Posa in opera qualificata

///Posa in opera qualificata
Posa in opera qualificata2017-04-14T19:59:46+00:00

Come posso sapere se l’installazione del serramento verrà fatta a regola d’arte?

 

Abbiamo acquistato un serramento eccellente, ma dopo l’installazione ci accorgiamo che vi sono spifferi o infiltrazione. Come può essere? La ragione probabilmente va cercata in una scorretta installazione.

 

Per chi non è un tecnico e quindi non ha dimestichezza con certi aspetti risulta difficile valutare la correttezza o meno della posa di un serramento, tanto più che una finestra, a differenza di un cellulare o di un aspirapolvere, può essere utilizzata solo dopo l’installazione.

 

Per poter fare un investimento oculato, puoi però valutare alcuni aspetti che ti possono far capire se la posa sarà eseguita rispettando norme e standard di qualità.

 

1)     Osserva il rivenditore o il produttore di infissi da cui hai intenzione di acquistare: puntualità, cortesia, ordine e pulizia dello showroom sono elementi significativi. È basilare scegliere un’azienda capace di fornire un servizio completo – rilievo, progettazione, installazione, “tagliando” post vendita – e di garantire la qualità del servizio oltre che dei prodotti in vendita.

 

Per capire se un’azienda lavora secondo certi criteri di qualità, si può verificare se è certificata secondo la norma Uni En Iso 9001: significa che la gestione del sistema qualità avviene secondo precisi standard, in tutti i processi, compresa la posa in opera.

Se ci rivolgiamo a un rivenditore, è utile anche farsi un’idea del produttore dei serramenti, visitandone per esempio il sito internet.

 

EKU, a questo proposito, non realizza i serramenti finiti: realizza i profili in alluminio e progetta i sistemi

[1]. Ma ai produttori di serramenti fornisce informazioni, cataloghi, manuali, depliant e organizza corsi di formazione per far sì che quest’ultimi assicurino ai loro clienti, cioè a te, i prodotti e i servizi migliori.

 

2)     Chiedi all’azienda che ti interessa se si occupa direttamente della posa in opera o se si rivolge a squadre di posa esterne. La posa sarà eseguita da installatori specializzati, formati e addestrati? I posatori hanno una qualche certificazione?

 

Per quanto riguarda i serramenti in alluminio, Uncsaal-Unicmi (Unione nazionale costruttori serramenti alluminio acciaio e leghe) associazione di categoria del settore, organizza periodicamente corsi di posa in opera qualificata. Nel sito web dell’Uncsaal vi è l’elenco dei partecipanti a tali corsi[2]: la presenza di un’azienda in questo elenco può essere considerato un ulteriore elemento di garanzia.

 

3)   Valuta attentamente il preventivo, assicurati che siano presenti ed evidenziati le caratteristiche e le prestazioni certificate dei serramenti e dei vetri, il calcolo delle prestazioni energetiche (il serramentista deve fornirle), la marcature CE, gli accessori in dotazione, i servizi offerti (trasporto, posa, smaltimento vecchi serramenti, ecc.). Guardiamo che non ci sia solo un elenco di dettagli tecnici, ma che siano sottolineati anche le nostre esigenze e i relativi benefici che possiamo aspettarci.

 

4)   Valuta ovviamente il prezzo, ma non farti ingannare da quotazioni particolarmente basse o troppo vantaggiose. La qualità e direttamente proporzionale al prezzo. Confronta i prezzi di preventivi a parità di tutte le altre condizioni offerte.

 

5)   Verifica le condizioni di garanzia. Per legge il venditore è obbligato a garantire un determinato prodotto per un periodo di 24 mesi. Le aziende serie, inoltre, offrono ulteriori garanzie scritte che assicurano il mantenimento di certe caratteristiche o prestazioni anche per periodi più lunghi.

 

[1]        Link a [1.4] [2]        Link a http://www.uncsaal.it/approfondimenti/approfondimenti/attestati.html