Il ciclo di vita dell’alluminio

///Il ciclo di vita dell’alluminio
Il ciclo di vita dell’alluminio2017-04-14T19:59:46+00:00
  • eku perfektion
  • eku perfektion
  • eku perfektion

Ciclo di vita e produzione dell’alluminio

 

Se volessimo rappresentare il ciclo di vita dell’alluminio otterremmo una spirale che si avvolge continuamente su se stessa dato che questo materiale può essere riciclato pressoché all’infinito.

 

L’alluminio si può produrre a partire:

  • dal minerale Bauxite;
  • dalla rifusione del metallo stesso, ovvero dal riciclo dei rottami di alluminio.

Il materiale prodotto dalla bauxite è detto alluminio primario, quello ottenuto dalla rifusione dei rottami di alluminio, riciclato o secondario.

 

La bauxite è un minerale comune estratto in miniere a cielo aperto, nello strato superiore del terreno (da 4 a 6 metri) e successivamente trasportato alle raffinerie di Allumina.

La produzione di Allumina od ossido di alluminio avviene attraverso il processo chimico Bayer in apposite raffinerie: qui l’ossido di alluminio viene separato da altre sostanze presenti nella bauxite. A questo punto l’alluminio puro viene estratto dall’allumina attraverso un processo elettrolitico in impianti di riduzione (smelters).

 

Le tecniche per trasformare poi l’alluminio in prodotti ad uso commerciale sono varie. I profili EKU sono realizzati per estrusione, un processo in cui una billetta di alluminio passa attraverso una matrice in acciaio trasformando il suo volume originario in quello di un lungo profilato a sezione costante. L’estrusione è utilizzata non solo per la produzione di finestre, porte e facciate, ma anche per tubi, rivestimenti, strutture per rimorchi, carrozze ferroviarie, aerei e navi.

 

Qualsiasi bene, al termine del ciclo di vita, viene dismesso e avviato allo smaltimento, oppure, se la cosa è possibile ed economicamente vantaggiosa, al recupero e al riciclo. Da questo punto di vista l’alluminio è un materiale straordinario, in quanto può essere riciclato indefinitamente senza apprezzabili decadimenti qualitativi.

L’alluminio recuperato è di qualità più o meno identica a quella dell’alluminio originario e viene di nuovo impiegato in edilizia, nei settori della meccanica e dei casalinghi otre in quello dell’imballaggio.